Marlene Kuntz – Canzone per un figlio -Video e testo

marlene kuntz.jpgIl nucleo originario dei Marlene Kuntz, esponenti di punta dell’alternative rock italiano, è nato a Cuneo nel 1987. A fondare il gruppo il batterista Luca Bergia (a sinistra) e il chitarrista Riccardo Tesio (a destra). All’inizio del 1989 si è aggiunto Cristiano Godano (al centro), voce e chitarra. Il gruppo si presenta per la prima volta sul palco dell’Ariston. Il nome del gruppo nasce dalla fusione di un omaggio all’attrice Dietrich e la citazione di una canzone dei Butthole Surfers, rock band americana. «Ci daranno dei marchettari perché andiamo a Sanremo» dicono «ma lo facciamo per provare qualcosa di nuovo e per farci conoscere da una platea diversa». Il loro brano («Strofe quiete e ritmo forte» sintetizza Godano) è una sorta di lettera di un padre a un figlio e farà da traino all’album in uscita, Canzoni per un figlio, incentrato proprio sul tema di questo rapporto. «Abbiamo scelto le canzoni del nostro repertorio che più si avvicinano a questo scopo, all’educazione sentimentale».


Fonte: TV sorrisi e canzoni

Ecco il video dalla puntata di Sanremo 2012.

Testo Canzone per un figlio – Marlene Kuntz

La felicità non è impossibile
La stupidità la rende facile,
Come un’ebbrezza effimera che può imbrogliare
Fino a non capire che può fare male la sua vanità
Se sai bene ciò che fai

La felicità sarà sempre raggiungibile
Se non sai quello che vuoi
L’infelicità sarà spesso incomprensibile
Se davvero sai chi sei la felicità… sarà dentro di te

La felicità sorride attonita,
Con ingenuità e un largo brivido,
Alla bellezza eterea che sa incantare
E alla poesia che ci fa sentire la forza della bontà
Se sai bene ciò che fai

La felicità sarà sempre raggiungibile
Se non sai quello che vuoi
L’infelicità sarà spesso incomprensibile
Se davvero sai chi sei a felicità sarà desiderare ciò che hai
Dentro, in fondo all’anima
Dentro di te

Marlene Kuntz – Canzone per un figlio -Video e testoultima modifica: 2012-02-14T16:24:00+01:00da noah82xx
Reposta per primo quest’articolo

Add a Comment